pennello e spatola traverso sinstro ble.jpg (5410 byte)

pennello e spatola traverso destro ble.jpg (5268 byte)

 

bothome.jpg (4069 byte)

 

Il Peccato

 

NOTA D’AUTORE

Spesso mi reco alla foce del fiume Verdura, in territorio di Ribera, ad ammirare l’abbraccio tra il fiume e il mare.
Da anni sognavo di realizzare quest’ opera, senza mai trovare il supporto tecnico adatto. Improvvisamente, eccolo. Era come l’avevo sognato!
L’opera è una struttura realizzata su una radica di ulivo, che fa pensare al campo di ulivi, l’orto  di Getsemani, dove Gesù andava a pregare, prima di essere portato via dai soldati. È la riflessione, ma è anche simbolo di riconciliazione, di pace, pace con gli altri, ma anche con se stessi.
Il libro è la Bibbia. Nel Vangelo secondo Giovanni si legge:
Chi di voi è senza peccato, scagli la prima pietra contro di lei”.
La frase, riportata nell’opera artistica, è scritta con
succo di chicchi di melograno.
Il melograno, oltre ad essere segno di buon augurio, era nella simbologia ebraica, simbolo di onestà e correttezza, dato che secondo gli Ebrei, il suo frutto conterrebbe 613 semi, che come altrettante perle sono le 613 prescrizioni scritte nella torah (una parte della Bibbia), (365 divieti e 248 obblighi), osservando le quali si ha certezza di tenere un comportamento saggio ed equo.
La pietra di tufo, che esce con forza dalla Bibbia, sta a significare che non è stata scagliata contro qualcuno, bensì è rimasta dentro, in questo caso, dentro di noi peccatori.
Fa pensare alla pesantezza che hanno i peccati sulla nostra coscienza. Si dice sempre: “Pesano come macigni”, oppure, “Mi sento un peso sulla coscienza”.
E poi è in linea col mio costante impegno: ricerca ed esaltazione di ciò che offre la natura stessa.
Così è nata l’idea di creare un simbolo in grado di lanciare un messaggio, soprattutto ai giovani, che spesso dimenticano i valori essenziali della vita.

L’opera è  “IL PECCATO”.

Le stesse emozioni e suggestioni, presenti nel lavoro artistico, ho cercato di evidenziarle nella poesia: “LU PICCATU”. Spero che opera e lirica rappresentino insieme un momento di riflessione per tutti.

2010 Giuseppe Cardella

 

Lu piccatu

 Qunta genti si cridi ‘nnuccenti
fannu la carità a li puvureddi
pò, fannu mali a tanta genti
e ammazzanu omini comu aceddi.

 Genti ricca, ‘struita, ‘ntilliggenti
pensa sulu pi idda, pi beni stari
lassanu moriri la povera genti
po, vannu ‘nchiesa a prigari.

Comu si và d’avanti a Diu
a pigliari lu Sacramentu.
Semu tutti piccatura, lu primu iu
‘nginucchiu di li piccati mi pentu.

« Cu di vatri nun ‘nn’avi piccatu,
tira la prima petra contru d’idda ».

 Nuddu tirà la prima
petra contru d’idda.

Lu Signuri nun la giudicà
ci dissi, nun piccari
e la mannà,
pi la giusta via caminari.

A lu Signuri lu prigamu
a tempu di bisognu,
‘nveci uncemu li manu
e ‘mploramulu ogni iornu.

Iddu ‘nn’ascuta, nnì vidi
e nnì senti
avemucci fidi,
prigamu, genti.

 Pirdunanni Signuri di ‘stu piccatu.
Oi, dumani e ‘ni li seculi si ludatu.

2010 Giuseppe Cardella